Fino all’8.IV.2018
Luca Gilli Di/Stanze
Museo Diocesano Carlo Maria Martini, Milano


Ventuno fotografie tratte dalla serie Incipit e Blank (dal 2011 al 2015) che caratterizzano la ricerca artistica di Luca Gilli (1965) esposte al Museo Diocesano di Milano invitano lo spettatore al distacco critico dalla ragione, dal reale e richiedono tempo di riflessione, silenzio e una meditazione sulla bulimia del consumo dell'immaginario: un’ossessione del nostro tempo. Gilli con la mostra intitolata non a caso Di/Stanze a cura di Matteo Bergamini investiga attraverso immagini spaesanti  le gradazioni o sfumature dell'orizzonte. Le sue sono di immagini-soglia in bilico tra visibile e invisibile, figurazione e astrazione, rappresentazione e rivelazione di sipari simbolici capaci di configurare uno spazio estetico-contemplativo e sono il risultato di un processo di valorizzazione  del bianco, del non colore, indice dello spazio atemporale e per estensione del vuoto  nel senso filosofico come sinonimo di neutralità, purezza ed eternità. Le sue allusioni di irrealtà risolte in campiture di bianco sfumate di grigio chiaro non ritraggono nulla  in particolare e negano ciò che forse vorremmo vedere come skyline di città, luoghi  in cui si annulla la barriera tra  ambienti interni ed esterni, dove qua e là appaiono  dettagli del reale, come telecamere, canaline elettriche , tracce di lapis lasciate dal muratore di future bocchette d'areazione, cavi elettrici, segni  impercettibili incastonati nel muro, come frammenti  poetici che suggeriscono percorsi surreali, dentro "architetture" immaginarie della visione. 
null Luca Gilli, Blank #8258, 2011, Courtesy Paola Sosio Contemporary Art
Luca Gilli "fotografa" spazi dell'astrazione con attitudine pittorica, gioca consapevolmente sull'ambivalenza tra mezzo meccanico e contenuto sacrale, valorizzando il chiaroscuro e la contrapposizione di squarci di luce e ombra, utilizzati come presupposti formali e prospettici nelle sue immagini astratto geometriche in cui appaiono dimensioni fluide, indefinibili al di là del vero e del falso.  Sono fotografie di spazi-soglia, aree del ripensamento critico del presente dominato dalla dittatura dell'immagine, impantanate nel caos mediatico sospese tra reale e finzione, il risultato di un processo di smaterializzazione formale e dissolvenza cromatica, che operano sul senso di ciò che definiamo "universo simbolico" e ruotano introno al concetto della distanza da chi, da che cosa e perché è tutto da immaginare. La sua ascetica e rigorosa ricerca di dissoluzione compositiva dello spazio, in cui l'alfa e l'omega, l'inizio e la fine nell'arte come nella filosofia e nell'ambito del sacro si corrispondono, si rivela nelle opere esposte al Museo Diocesano a Milano, luogo adatto dove meditare sul valore silente contemplativo dell'arte, in cui l'assenza di per sé è già presenza dell'invisibile, attraverso immagini ipnotiche, vibranti anche se non illuminate adeguatamente, peccato!. 
Jacqueline Ceresoli  Mostra visitata l’8 febbraio 2018
Dal 9 febbraio all’8 aprile 2018 Luca Gilli Di/Stanze  Museo Diocesano Carlo Maria Martini,  Chiostri di Sant'Eustorgio, Piazza Sant'Eustorgio Orari: da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00 Info: www.chiostrisanteustorgio.it 

Data: 12/03/2018


Invia sul fax, numero:
home